SPECIALE OTTOPAGINE | Nei piccoli paesi si soffoca. Ma il futuro potrebbe essere lì


Ecco un interessantissimo articolo di approfondimento pubblicato questa mattina sul quotidiano online Ottopagine, a firma di Anita Vena, studentessa del Vivaio di Ottopagine, il corso di giornalismo multimediale organizzato nell’ambito dell’iniziativa scuola lavoro. Anita ha intervistato il noto paesologo Franco Arminio in merito a una questione delicata e quantomai attuale, che investe i piccoli borghi come Montaguto. Buona lettura.

I paesi irpini opprimono. Lo sapete tutti. E’ quasi impossibile per un ragazzo trovare la sua strada in un minuscolo centro di cinquemila abitanti. Quattro case, un paio di bar, niente da combinare.

Raggiungi i venti, fai le valigie e vai fuori a studiare o a lavorare. Costruisci casa e famiglia lontano dal tuo paesello. Ti viene nostalgia, e torni a Pasqua e Natale. Ma non è cambiato nulla da quando te ne sei andato. E te ne lagni. Ma questa decadenza è anche colpa tua. Colpa nostra.

«Cosa ci sto a fare qui? Non c’è lavoro, non ci sono servizi. Non c’è futuro».

Tutti bravi ad accusare. A lamentarsi. Senza lottare per cambiare le cose. Vediamo la gente fuggire dal nostro paese, e come reagiamo? Andandocene anche noi. A malincuore.

«Non c’è fiducia. E’ questo il problema principale», dice bene Franco Arminio, paesologo e poeta. Uno dei pochi che ci crede ancora, nella sua terra.

» CLICCA QUI E CONTINUA A LEGGERE SU OTTOPAGINE

Seguici sui social e metti mi piace!

Commenti

comments

Lascia un commento