SS90, DOMANI SI APRE: IL LAVORO DEL SINDACO MARTINO PAGA ECCOME!


di Michele Pilla

Domani, entro la serata, la Strada Statale 90 delle Puglie riaprirà i battenti. A una corsia, a traffico alternato, con l’ausilio di un semaforo, certo, ma si riapre. Tanto decise la sindaca di Greci, Donatella Martino, che riuscì nell’impresa. Il comune di Greci, col primo cittadino in testa, aveva affidato qualche giorno fa al geologo Luigi Freda il compito di effettuare i necessari sopralluoghi per valutare la situazione. E il risultato parlò chiaro: nessun pericolo imminente.

Questa mattina si è tenuta una riunione tra comuni, Anas e Autorità di Bacino. E proprio l’ente rappresentato dal professor Antonio Di Santo ha effettuato un sopralluogo, per poi compilare una relazione utile a capire il da farsi. E oggi, al termine della riunione, si è deciso che, effettivamente, pericoli non ve ne sono, almeno finché non piove. E così c’è stato l’accordo tra il comune e l’Anas.

"Il comune di Greci si farà carico di effettuare studi approfonditi e carotaggi, in modo da evitare problemi in caso di pioggia – ci ha riferito il sindaco Martino -. E’ uno sforzo che facciamo, ma lo facciamo per i cittadini della Valle del Cervaro e per le attività commerciali che insistono sulla strada. Non possiamo permettere che una strada così importante resti chiusa. E’ da segnalare, ancora una volta, la totale assenza della Regione Campania in questo evento, nonostante le relazioni siano state inviate anche a loro".
La zona più pericolosa, all’altezza del km. 37,700, è stata recintata. Adesso l’Anas sta provvedendo a disporre una segnaletica adeguata. A ogni modo, il lavoro del comune di Greci è stato notevole, e comunque anche i comuni di Montaguto e Savignano non sono stati a guardare. Anzi. E questo è confortante: i rappresentanti si sono dati da fare e i risultati sono arrivati.

2013-12-16 19:18:46

1

Commenti

comments

Lascia un commento