TRADIZIONI IN CUCINA, ORSARA PARTECIPA ALLA DISFIDA DEL SOFFRITTO DI BOVINO

Oggi va in scena l’ottava edizione de La Disfida del Soffritto di Maiale, che vedrà l’incantevole comune dei Monti Dauni – insignito del riconoscimento I Borghi più belli d’Italia – ospitare la kermesse enogastronomica promossa dalle condotte Slow Food “Foggia e Monti Dauni” e “Irpinia, Colline dell’Ufita e Taurasi”. Nella foto, il team di Orsara di Puglia in azione, servendo i tradizionali peperoni e patate con pizza di granturco, i prodotti in esposizione e depliant e guide per visitare il borgo pugliese.

Si tratta  di uno degli eventi più importanti  organizzati da Slow Food a livello nazionale,  per far riscoprire una delle più antiche tradizioni culinarie del territorio. I sapori, la festa e i riti sono gli ingredienti di questa  manifestazione – organizzata in collaborazione con il Comune di Bovino, il Gal Meridaunia e la Pro Loco di Bovino – che vede tra i partner anche la Regione Puglia, la Provincia di Foggia, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, il Touring Club Italia e le condotte regionali di Slow Food di Puglia e Campania.

Dalle ore 9.00 della mattina fino al tardo pomeriggio, 17 comunità (Accadia, Ariano Irpino, Ascoli Satriano, Bonito, Bovino, Candela, Carife, Celle San Vito, Deliceto, Flumeri, Grottaminarda, Orsara di Puglia, Paternopoli, Roseto Valfortore, Sant’Agata di Puglia, Taurasi e Teora) offriranno ai partecipanti un assaggio della “Colazione Contadina”. Il percorso di degustazione si snoderà tra le vie del centro storico di Bovino. Alle ore 13.00, l’appuntamento è alla Gran Sala del Soffritto allestita in Corso Vittorio Emanuele. Qui, le comunità si sfideranno a colpi di soffritto di maiale e due giurie, una popolare e una tecnica, designeranno il vincitore dell’edizione. Lo scorso anno ad aggiudicarsi il primo posto fu proprio il Comune di Bovino.

Durante la giornata si effettueranno anche escursioni guidate nel centro storico del paese.

Le condotte di Slow Food gestiranno, invece, la cantina con vini del territorio selezionati.

Il costo del biglietto per accedere alle consumazioni è di 10 euro per i soci Slow Food e di 15 euro per i non soci. Per i bambini fino a 12 anni l’accesso è gratuito. L’ingresso è riservato a 800 partecipanti.

2014-03-30 12:22:18

0

Commenti

comments

Lascia un Commento