Troia e Orsara insieme per un weekend di gusto e bellezza

Prima Troia e la splendida cattedrale del Rosone; poi Orsara di Puglia, con la Grotta di San Michele e i sapori del borgo: sabato 25 e domenica 26 novembre, con “Scatti di Gusto”, nell’ambito dei tour promossi da “InPuglia365”, sarà possibile visitare due dei centri storici più belli della Capitanata. La visita guidata al centro storico di Troia si terrà sabato 25 novembre e, all’ombra della magnifica cattedrale, i visitatori potranno scoprire il gusto della Passionata, un dolce che fa godere gli occhi e le papille gustative. Domenica 26 novembre, invece, sarà la volta di Orsara di Puglia. L’iniziativa è organizzata da Svegliarsi nei Borghi nell’ambito del progetto “InPuglia365”, programma di destagionalizzazione dei flussi turistici che valorizza i borghi pugliesi. La partecipazione è gratuita e prevede visite guidate, degustazioni, percorsi esperienziali alla conoscenza del patrimonio storico, culturale, enogastronomico e ambientale dei paesi della Puglia più interessanti dal punto di vista turistico. Per prenotarsi e partecipare basta rivolgersi al contact center chiamando il 349.8305477 oppure inviando una email all’indirizzo di posta elettronica info@svegliarsineiborghi.it.

Sono moltissime le cose da ammirare a Troia, percorrendo Corso Regina Margherita, una vera e propria “galleria d’arte” a cielo aperto impreziosita dalla maestosa presenza di antiche chiese e palazzi nobiliari, tappa obbligata è quella che porta in Piazza Episcopio, davanti alla Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta, vero e proprio gioiello di architettura che fonde sistemi romanici con elementi bizantini. Ricchissimo è il Museo del Tesoro della Cattedrale, di grande interesse il Museo Ecclesiastico Diocesano. Il centro storico di Troia è un viaggio attraverso il tempo e la storia, con chiese stupende come San Basilio Magno, la Chiesa di San Francesco, quella dell’Addolorata, l’edificio sacro consacrato al culto di San Domenico e, ancora, Palazzo D’Avalos e il suo Museo Civico.

Domenica 26 novembre sarà possibile visitare il centro storico di Orsara di Puglia, l’Abbazia Sancti Angeli, l’antichissima e suggestiva Grotta di San Michele. I visitatori potranno conoscere l’Orto dei Sapori dello chef Peppe Zullo, ammirare il più antico forno a paglia della Puglia ancora attivo, assaporare le tipicità di un paese conosciuto e apprezzato anche per le proprie eccellenze enogastronomiche. Nel cuore del centro storico orsarese, sono oltre 20 i luoghi di preminente interesse storico, culturale e architettonico che rappresentano la narrazione vivente di una trama che mette insieme arte, storia, fede e leggende.

NOVEMBRE DA RECORD. Con i circa 20mila visitatori giunti a Orsara di Puglia fra il 31 ottobre e l’1 novembre 2017, il mese che precede l’arrivo del Natale sta registrando numeri da record per quanto riguarda visite e presenze turistiche. Per le giornate dei Fucacoste, si è registrato il consueto pienone, con l’arrivo di circa 3600 automobili, 6 pullman, 50 camper, per 48 ore che hanno riempito il paese assieme alle sue strutture ricettive e della ristorazione. Prima ancora, a settembre, Orsara di Puglia era stata già scelta come destinazione di un progetto “InPuglia 365” grazie all’iniziativa “Le Torri di Capitanata – Invasioni Spettacolari”, con la riapertura dell’antichissimo Palazzo di Torre Guevara.

ORSARA NELLE RETI D’ECCELLENZA. Dal 2007, anno in cui il paese ha ottenuto la certificazione di Città Slow, sono diversi e tutti importanti i marchi di qualità turistico-ambientale riconosciuti a Orsara di Puglia, che è anche Bandiera Arancione del Touring Club. Per tre anni consecutivi, dal 2014 al 2016 (e nel 2017 è ancora una volta tra i candidati), al Comune di Orsara è stato assegnato il “Premio Consumo di Qualità – Antichi Sapori”, riconoscimento giunto alla sua nona edizione, ideato e promosso dalla Rete Asel, Antichi Sapori Eat Local, in base alle valutazioni espresse dai consumatori interpellati dall’Osservatorio istituito dall’organizzazione (www.qualityawards.pw). Orsara, inoltre, è stato insignito del titolo di “Comune amico del turismo itinerante” da una rete nazionale che mette insieme 110 associazioni di camperisti.

Commenti

comments

Lascia un Commento