Un paese di soli 46 abitanti protagonista in Europa e nel mondo! Si tratta di Ingria, protagonista al concorso dei ‘Comuni Fioriti’


Nel mese di novembre, a Pomaretto, si è tenuta la giornata finale del concorso “Comuni fioriti“, organizzato dall’associazione Asproflor, che associa i produttori florovivaisti italiani ed è radicata in particolar modo nell’area nord-occidentale.

Suo scopo è promuovere l’immagine della floricoltura italiana, il turismo del verde e il ruolo dei fiori nella vita quotidiana del tessuto cittadino. Da questi propositi è nata l’idea di promuovere il concorso nazionale “Comuni Fioriti”, giunto all’ottava edizione e al quale aderiscono ogni anno città e paesi di tutta la penisola.

Questa iniziativa di marketing turistico-ambientale con risorse limitate ha promosso tra le amministrazioni comunali e i cittadini un sano spirito di concorrenza e di emulazione che ha trasformato intere regioni e paesi in veri e propri giardini fioriti, sorridenti e accoglienti.

Tra i paesi partecipanti c’era anche Orsara di Puglia, unico comune della regione ad essere insignito del prestigioso riconoscimento di “Come Fiorito d’Italia”. Questo premio è stato consegnato al sindaco Tommaso Lecce e all’assessore al Turismo Michela del Priore. Unico in Puglia, Orsara rientra nei pochi altri 47 Comuni Fioriti d’Italia, mostrando così la sua unicità non solo a livello regionale ma anche nazionale.

Il piccolo borgo pugliese, inoltre, ha ottenuto anche il primo premio per l’Orto Virtuoso migliore d’Italia, presente in una villa privata del posto.

Ma la storia più incredibile viene dal Piemonte, precisamente Ingria, piccolo Comune della Val Soana (in provincia di Torino) di soli 46 residenti. Sì, avete capito bene: 46 residenti.

Ebbene Ingria è stato insignito del “marchio di qualità dell’ambiente di vita Comune Fiorito” e nominato anche finalista del concorso “Communities in Bloom”, il concorso mondiale delle comunità in fiore.

Nel 2020 il Canavese avrà quindi un ente locale che rappresenterà l’intera nazione alla competizione internazionale tra i Comuni Fioriti, promossa dall’organizzazione canadese no-profit impegnata a promuovere l’orgoglio civico, la responsabilità ambientale congiunta alla valorizzazione del turismo, coinvolgendo le comunità locali nell’abbellimento dei propri spazi territoriali.

Dunque, un paese di 46 abitanti si è reso protagonista a livello europeo e mondiale. Dunque, essere pochi non vuol dire per forza essere immobili, fermi, senza possibilità di eccellere. Anche un paese piccolo, di pochi abitanti può fare tanto. Occorrerebbe soltanto crederci e provarci, rimboccandosi le maniche.

Proprio come hanno fatto i 46 valorosi abitanti di questo piccolo, piccolissimo centro. Complimenti!

Commenti

comments

Lascia un commento