VIDEO | ‘Volo dell’Angelo’ sulla Valle del Cervaro? Il progetto di De Cotis e Sansone, approvato dal consiglio comunale di Panni

Volo dell’Angelo sulla Valle del Cervaro. È il progetto realizzato dai progettisti Michele De Cotis e Alfonso Sansone, già approvato dal Consiglio Comunale di Panni.

La prossima settimana partirà la manifestazione di interesse per la sua realizzazione rivolta a coloro che sono interessati ad investire 800mila euro, il costo dell’impianto, più altri 200mila l’anno per la sua manutenzione per una struttura che promette mezzo milione di euro l’anno di entrate, con 10mila visitatori stimati provenienti da un bacino di utenza che abbraccia la Puglia, la Campania, il Lazio, la Basilicata e il Molise.

Il progetto supererebbe, per dimensioni del percorso, anche l’ormai famoso Volo dell’Angelo di Castelemezzano, in Basilicata.

Volare restando sospesi a un cavo di acciaio, a oltre 800 metri di altezza, planando tra i Monti Dauni, l’intero Tavoliere delle Puglie ed il Gargano. Questo il sogno che si appresta a diventare realtà a Panni, il piccolo paese del subappennino dauno, in Provincia di Foggia, con la realizzazione di un’attrazione di turistica straordinaria che permetter di far volare le persone per 1.468 metri, ovvero dal centro storico del paese, ad una quota di partenza di  846 metri, fin giù a valle in località Serra, che si trova a 613 metri, con un dislivello di 232 metri.

Sarebbe la Fly Line più lunga del Sud Italia e anche la più spettacolare dato che a differenza di altri impianti offre una veduta panoramica vastissima: dai Monti Dauni al Tavoliere fino al Gargano con il Golfo di Manfredonia che farà da sfondo ad una suggestione di colori e paesaggi.

I fruitori, una volta arrivati a valle, potranno ritornare in paese a bordo di una navetta che attraversa i boschi e da cui potranno ammirare un vecchio mulino ad acqua e piccoli ruscelli naturali. Il progetto prevede l’utilizzo di materiali all’avanguardia come le speciali funi in acciaio realizzate con una particolare lega che non emetterà alcun rumore per non infastidire i tanti animali che vivono tra i boschi dei Monti Dauni. L’impianto vedrà, inoltre, l’impiego di 5 persone del posto.

» VIDEO DE “IL MATTINO DI FOGGIA”

Commenti

comments

Lascia un Commento