Il ministro afferma che la Germania non impedirà alla Polonia di inviare carri armati in Ucraina

PARIGI, 22 gennaio (Reuters) – Il ministro degli Esteri tedesco ha detto domenica che il suo governo non ostacolerà se la Polonia vorrà inviare i suoi carri armati Panther 2 in Ucraina, in una possibile svolta per Kiev, che vuole i carri armati per combattere un’invasione russa. .

I funzionari ucraini hanno invitato per mesi gli alleati occidentali a fornire loro moderni carri armati di fabbricazione tedesca, ma Berlino finora si è trattenuta dall’inviarli o consentire ad altri paesi della NATO di farlo.

Alla domanda su cosa accadrebbe se la Polonia andasse avanti e inviasse i suoi carri armati Panther 2 senza il permesso tedesco, Annalena Berbach su LCI TV francese ha detto: “La domanda non è stata posta al momento, ma non ci metteremo in mezzo se ci viene chiesto. “

I commenti si sono aggiunti ai commenti del cancelliere tedesco Olaf Scholes in un vertice a Parigi domenica scorsa secondo cui tutte le decisioni sulle consegne di armi sarebbero state prese in coordinamento con gli alleati, compresi gli Stati Uniti.

La Germania è sotto forte pressione per permettere ai leopardi di entrare in Ucraina. Ma il Partito socialdemocratico di Scholz è tradizionalmente scettico nei confronti degli impegni militari e diffidente nei confronti di mosse improvvise che potrebbero ulteriormente aggravare Mosca.

Domenica il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha dichiarato di aspettarsi presto una decisione sui carri armati, ma ha espresso cautela.

Pistorius ha detto ad ARD TV che la Germania non avrebbe preso una decisione affrettata perché il governo doveva considerare molti fattori, comprese le conseguenze interne per la sicurezza del popolo tedesco.

READ  Il governatore del Nebraska Billon nomina l'ex governatore Pete Ricketts come sostituto del Senato di Ben Sasse

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ripetuto il suo appello di lunga data per i carri armati in un incontro domenica con l’ex primo ministro britannico Boris Johnson, che è in visita a Kiev.

Il carro armato Leclerc XLR prodotto da Nexter è esposto alla fiera internazionale della difesa e della sicurezza Eurosatory a Villepinte, Parigi, Francia, il 13 giugno 2022. REUTERS/Benoit Tessier/File foto

“Abbiamo bisogno di più armi: carri armati, aerei, missili a lungo raggio”, ha detto Zelenskiy, secondo una dichiarazione sul suo sito web.

L’Ucraina afferma che i carri armati occidentali corazzati daranno alle forze di terra ucraine maggiore mobilità e protezione, in vista di una nuova offensiva russa che Kiev si aspetta nel prossimo futuro. Aiuterà anche l’Ucraina a riconquistare alcuni dei territori che ha perso contro la Russia.

Dopo il vertice di Parigi, Scholz ha dichiarato in una conferenza stampa che tutte le consegne di armi all’Ucraina sono avvenute in stretto coordinamento con i partner occidentali. Ha detto che lo farà in futuro.

Parlando alla stessa conferenza stampa, il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato di non escludere la possibilità di inviare carri armati Leclerc in Ucraina.

Macron ha affermato che il dispiegamento di carri armati non dovrebbe aggravare la situazione, tenere conto del tempo necessario per addestrare efficacemente gli ucraini e non mettere in pericolo la sicurezza della Francia.

“Per quanto riguarda i Leclerc, ho chiesto al ministro della Difesa di lavorare, ma nulla è stato escluso”, ha detto Macron, aggiungendo che la mossa dovrebbe essere coordinata con alleati come la Germania nei prossimi giorni e settimane.

Fonti tedesche hanno detto a Reuters che gli Stati Uniti permetterebbero all’Ucraina di inviare carri armati di fabbricazione tedesca per aiutare la sua difesa contro la Russia se accettasse di inviare i propri carri armati. Ma i funzionari statunitensi hanno affermato che l’amministrazione del presidente Joe Biden non è pronta a inviare i propri carri armati, incluso l’M1 Abrams.

READ  Kirby Smart della Georgia lancia una sfida brusca a Stetson Bennett dopo un'entusiasmante vittoria: "Deve giocare meglio"

Un portavoce del Cremlino ha detto venerdì che i paesi occidentali che riforniscono l’Ucraina di carri armati aggiuntivi non cambieranno il corso del conflitto e aumenteranno solo i problemi del popolo ucraino.

Relazione di Andreas Ringe e Lee Thomas; Segnalazioni aggiuntive di Tom Sims, Lydia Kelly e Humera Pamuk; Montaggio di David Holmes, Andrew Heavens e Diane Croft

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *