“Dovevo farlo per salvare tutti”: l’uomo si precipita a scuola per salvare più di 20 persone dalla bufera di neve



Cnn

Mentre una bufera di neve mortale e storica ha colpito la contea di Erie a New York lo scorso fine settimana, alcuni residenti si sono trovati in gravi difficoltà: bloccati nella neve ululante senza un posto dove andare, le loro auto a corto di benzina e la polizia incapace di venire in soccorso.

Tra le persone intrappolate venerdì scorso c’era Jay Wiede, un meccanico della città di Cheektowaga che si è offerto volontario per aiutare un amico che è rimasto bloccato, ma invece è rimasto bloccato nella neve. Nel corso della notte, sarebbe stato allontanato da diverse persone che chiedevano aiuto, compiendo infine un ultimo atto di disperazione per salvare se stesso e più di 20 altri dalla brutale tempesta.

La sua notte è iniziata alle 6 del mattino quando ha ricevuto una telefonata da un amico bloccato nella neve in rapido movimento.

“Ha detto che ero l’unica persona che conosceva che sarebbe venuta, quindi ho pensato di prenderlo”, ha detto Withe.

Serpeggiando tra i veicoli abbandonati che ingombrano la strada, si diresse verso il suo amico. All’improvviso, un giovane di nome Mike passa di lì indossando scarpe da ginnastica e una giacca leggera. Ha chiesto a Mike di salire sul camion per sfuggire al freddo.

Withe ha detto che il suo camion è rimasto bloccato due volte mentre guidava attraverso cumuli di neve alti diversi metri. La prima volta riuscì a farsi strada con la forza, ma la seconda volta si sentì senza speranza.

“Sto cercando di tirarmi fuori, ma la neve sta scendendo più velocemente che posso lanciare la pala”, ha detto. Con i suoi vestiti inzuppati e solo un quarto di carburante rimasto in un serbatoio, Withe iniziò a preoccuparsi.

Lasciando Mike nel camion, iniziarono a bussare alle porte delle case per strada per vedere se qualcuno offriva loro un riparo.

Vide ha detto che sarebbe andato in 10 case e avrebbe consegnato a ciascuna 500 dollari per passare la notte nel loro loft. Tutti lo hanno allontanato. “Li prego, ‘Per favore, posso dormire sul pavimento, ho paura per la mia vita’, e loro dicono: ‘No, scusa’”, ha detto.

Sentendosi sconfitto, Withe cercò di tornare al suo camion, ma si perse nell’aria burrascosa e nella neve fitta.

“La mia vista si sta annebbiando, il mio corpo ha i crampi, temo per la mia vita”, ha detto.

Alla fine, vide una luce in lontananza e ricordò la stessa luce lampeggiante vicino alla quale aveva parcheggiato il suo camion.

Dopo essere tornato al camion, Withe ha chiamato la polizia, ma a causa delle pericolose condizioni di tempesta, non sono stati in grado di venire in suo soccorso, ha detto. Ha anche appreso che l’amico che aveva chiamato i soccorsi era stato salvato dalle autorità.

Quando il gas è diventato pericolosamente basso, Withe era preoccupato, ma stanco, quindi ha cercato di fare un pisolino.

Alle 23:00, ha sentito il finestrino di una macchina sbattere e ha aperto la portiera per trovare Mary, una donna anziana che ha detto di essere rimasta bloccata in macchina dalle 16:00 e di aver bisogno di aiuto. Le ha anche chiesto di salire sul camion.

La mattina dopo, il camion di Withey rimane senza benzina e il trio si intrufola nel furgone di Mary, anch’esso a corto di carburante.

Alla fine, Mary dovette usare il bagno. Fu allora, ha detto Vidhe, rendendosi conto che stava arrossendo, guardando il GPS del suo telefono e notando che c’era una scuola nelle vicinanze – EDGE Academy.

“Dico: ‘Vado in quella scuola, entrerò in quella scuola perché so che hanno il riscaldamento e i bagni'”, ha detto.

Usando pastiglie dei freni extra, ha rotto la finestra della scuola in modo da poter aprire la porta principale e far entrare Mike e Mary, suonando l’allarme di sicurezza.

“Esco nelle immediate vicinanze e ci sono un sacco di persone anziane bloccate nelle loro auto”, ha detto Withey. “Uno aveva un cane e li ho messi a scuola. Al momento, ci sono circa 10 persone nella scuola. Hanno un’età compresa tra i 20 ei 70 anni”, ha detto.

Con il gruppo sistemato nella scuola, Withe è riuscito a raccogliere cereali e mele nella mensa, spegnere l’allarme e trovare stuoie in palestra su cui tutti potessero dormire.

“Tutti sono così felici di essere a scuola, caldi e mangiare”, ha detto.

La mattina di Natale, Veede e gli altri hanno potuto utilizzare gli spazzaneve dell’armadio del custode per liberare le loro auto dai cumuli di neve.

Descrivendosi come un uomo religioso, ha detto che considerava l’intero calvario una benedizione sotto mentite spoglie. Se una persona ha preso Ha implorato rifugio quella notte, dicendo che non avrebbe salvato la gente.

Un uomo che lo ha denunciato ha visto Withe far saltare in aria le auto e gli si è avvicinato in lacrime per scusarsi, dicendo che non poteva dormire quella notte sapendo di aver rifiutato il rifugio di Withe.

Withey è rimasto a scuola fino alle 20:00 del giorno di Natale. “Non me ne sono andato finché non mi sono assicurato che tutti stessero bene”, ha detto, aggiungendo che hanno avviato una chat di gruppo per tenersi in contatto.

Prima di andarsene, si è assicurato di lasciare un biglietto in cui si scusava per l’irruzione, scoperta dalla polizia quando alla fine è riuscito a rispondere all’allarme scattato quando è entrato nella scuola.

“A chiunque possa interessare, sono profondamente dispiaciuto per aver rotto la finestra della scuola e rotto la cucina”, ha detto. “Bloccato alle 20:00 di venerdì, dormendo nel mio camion con due sconosciuti, cercando di non morire”, ha continuato. “Anche i bambini di 7 anni sono rimasti intrappolati nel carburante. Ho dovuto farlo per salvare tutti e dare loro riparo, cibo e una doccia. Ha firmato la lettera “Buon Natale Jay”.

La polizia di Cheektowaga è riuscita a localizzare Vidhe con l’aiuto del pubblico dopo aver condiviso la sua mancia e le immagini della telecamera di sorveglianza.

Il capo della polizia Brian Gould ha detto alla CNN che Withey si trovava in una zona della città difficile da raggiungere per loro. Il presidente ha definito eroico l’atto di Withey e un esempio di spirito di comunità tra la gente della zona.

“Siamo rimasti assolutamente scioccati dal fatto che avesse più di 20 persone a scuola (e) due cani”, ha detto.

“Non solo una mossa eroica, ma un brav’uomo in generale.” “Ha sicuramente salvato alcune vite quel giorno”, ha detto Gould.

READ  Shannon Sharp torna allo status di 'indiscusso', Hamlin evita Bayless in tweet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *