La Cina riapre le frontiere per dire addio a Covid zero

HONG KONG/PECHINO, 8 gennaio (Reuters) – I viaggiatori hanno iniziato ad affluire nella Cina continentale per via aerea, terrestre e marittima domenica, quando Pechino ha aperto i confini che erano stati chiusi dall’inizio del Covid-19. -19 pandemia.

Tre anni dopo, la Cina continentale ha aperto rotte marittime e terrestri con Hong Kong, ponendo fine all’obbligo di mettere in quarantena i viaggiatori in arrivo, rimuovendo l’ultimo pilastro della politica zero-covid della Cina che proteggeva la sua gente dal virus ma li tagliava fuori dagli altri. del mondo.

L’allentamento della Cina il mese scorso di uno dei regimi Covid più rigidi al mondo ha fatto seguito a proteste storiche contro una politica che includeva test frequenti, movimenti e blocchi di massa che hanno danneggiato pesantemente la seconda economia più grande.

Lunghe code si sono formate all’aeroporto internazionale di Hong Kong per i voli verso le principali città tra cui Pechino, Tianjin e Xiamen e alcuni media di Hong Kong hanno stimato che migliaia di persone stavano viaggiando.

“Sono così felice, così felice, così eccitata. Non vedo i miei genitori da anni”, ha detto Teresa Chow, residente a Hong Kong, mentre lei e dozzine di passeggeri si preparavano ad attraversare la Cina continentale dal checkpoint di Lok Ma Chau di Hong Kong in anticipo. Domenica mattina.

“I miei genitori erano malati e quando avevano il cancro al colon, non potevo tornare a trovarli, quindi ora sono molto felice di tornare a trovarli”, ha detto. nella sua città natale a Ningbo, nella Cina orientale.

Gli investitori ritengono che la riapertura alla fine rivitalizzerà l’economia da 17 trilioni di dollari. Ma l’improvviso cambio di politica ha innescato un’ondata di epidemie che hanno travolto alcuni ospedali e causato interruzioni delle attività.

READ  Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times

L’apertura del confine segue l’inizio di sabato del primo periodo di 40 giorni del pellegrinaggio del capodanno lunare, il “Chun Yun”, la più grande migrazione annuale al mondo di persone che tornano in vacanza con la famiglia nelle loro città prima della pandemia.

Si prevede che circa 2 miliardi di persone viaggeranno in questa stagione, quasi il doppio del movimento dello scorso anno e un rimbalzo al 70% nel 2019, afferma il governo.

Si prevede che altri cinesi inizieranno a viaggiare all’estero, un passaggio tanto atteso verso destinazioni turistiche in paesi come la Thailandia e l’Indonesia, dove molti governi – preoccupati per il picco di COVID in Cina – stanno imponendo restrizioni ai viaggiatori provenienti dal paese.

Gli analisti affermano che i viaggi potrebbero non tornare presto ai livelli pre-pandemia a causa di fattori come la mancanza di voli internazionali.

La Cina domenica ha ripreso a rilasciare passaporti e visti di viaggio ai residenti nel continente e visti ordinari e permessi di soggiorno agli stranieri. Pechino ha quote sul numero di persone che possono viaggiare tra Hong Kong e la Cina ogni giorno.

Visitatori, case

All’aeroporto internazionale di Pechino Capitale, familiari e amici si sono scambiati abbracci e saluti emozionati con passeggeri provenienti da Hong Kong, Varsavia e Francoforte. È richiesta la quarantena per i viaggiatori provenienti dall’estero.

“Non vedevo l’ora che arrivasse la riapertura da molto tempo. Finalmente ci stiamo riconnettendo con il mondo. Sono elettrizzata, non posso credere che stia accadendo”, ha detto Shen, una donna d’affari di 55 anni che ha volato da Hong Kong.

Tra le altre persone in attesa all’aeroporto c’era un gruppo di fan donne che portavano fotocamere con obiettivi lunghi sperando di intravedere la boy band sudcoreana Tempest, il primo gruppo idol della Corea del Sud ad entrare in Cina in tre anni.

READ  Stati Uniti e Germania entrano in guerra per i carri armati per conto dell'Ucraina

“È fantastico vederli di persona! Sono molto più belle e più alte di quanto mi aspettassi”, ha detto a Reuters la ragazza di 19 anni, che ha dato il suo nome come Xiny, dopo aver inseguito la boyband di sette membri che era volata da Seoul attraverso la città cinese di Dalian.

“Con la revoca delle restrizioni all’isolamento, sarà più conveniente per loro volare per vederli e per loro venire a Pechino”, ha affermato.

obiezioni

Tuttavia, tali scorci di riunificazione hanno alimentato altri con proteste in alcune città della Cina durante il fine settimana, un promemoria di come l’economia sia in crisi.

Le proteste non sono rare in Cina, che negli anni ha visto le persone uscire allo scoperto in gran numero per questioni come truffe finanziarie o immobiliari. Ma le autorità sono in allerta dopo le proteste diffuse nelle città cinesi e nelle migliori università a fine novembre contro le restrizioni COVID.

Sabato, centinaia di Tesla (TSLA.O) I proprietari si sono radunati negli showroom e nei centri di distribuzione della casa automobilistica in Cina per protestare contro la decisione di tagliare i prezzi per la seconda volta in tre mesi, una mossa per aumentare le vendite in un momento in cui la domanda nel più grande mercato automobilistico del mondo sta rallentando.

Reportage di Joyce Cho a Hong Kong, Yu Lun Tian e Josh Arslan a Pechino; Scritto da Brenda Ko a Shanghai; Montaggio: William Mallard

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply