S&P chiude in rialzo dopo che pochi minuti dopo la Fed ha confermato il focus sull’inflazione

  • Le azioni sono volatili dopo i verbali della Fed
  • Le opportunità di lavoro saranno inferiori alle aspettative
  • Indici in rialzo: Dow 0,4%, S&P 0,75%, Nasdaq 0,69%

4 gennaio (Reuters) – L’S&P 500 ha toccato il massimo della sessione dopo la volatilità degli scambi dopo la pubblicazione dei verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve sul ritmo dei rialzi dei tassi.

I funzionari alla riunione politica della banca centrale del 13-14 dicembre hanno convenuto che la banca centrale statunitense avrebbe continuato ad aumentare i costi di indebitamento per frenare il ritmo dell’inflazione, ma gradualmente mirava a limitare i rischi per la crescita economica.

Gli investitori hanno esaminato le discussioni interne della banca centrale alla ricerca di indizi sul suo percorso futuro. Dopo la riunione, il presidente della Fed Jerome Powell aveva affermato che erano necessari ulteriori aumenti e aveva assunto un tono più accomodante di quanto gli investitori si aspettassero all’epoca.

Mentre alcuni gestori di fondi hanno affermato che non ci sono state sorprese nei verbali, il mercato sembrava offrire alcuni segnali che la banca centrale stesse almeno considerando di allentare la sua politica di inasprimento.

“Il mercato è come un bambino che chiede un gelato. I genitori dicono ‘no’, ma il mercato continua a chiedere perché i genitori sono stati cattivi in ​​passato”, ha detto Burns McKinney, portfolio manager di NFJ Investment Group LLC a Dallas. “Il mercato pensa ancora che il gelato sia disponibile, non tanto quanto pensavano prima”.

McKinney ha indicato i verbali come prova della preoccupazione dei funzionari della Fed che un non necessario allentamento delle condizioni monetarie complicherebbe i loro sforzi per combattere l’inflazione.

READ  Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times

Media industriale del Dow Jones (.DJI) in aumento di 133,4 punti o dello 0,4% a 33.269,77; S&P 500 (.SPX) in aumento di 28,83 punti o dello 0,75% a 3.852,97; e il Nasdaq Composito (.IXIC) Ha aggiunto 71,78 punti, o lo 0,69%, a 10.458,76.

Indice tecnico sensibile al tasso di S&P (.SPLRCT) Ha perso terreno dopo pochi minuti per finire fino allo 0,26%. Anche il settore bancario (.SPXBK)Ha beneficiato di tassi più elevati, rettificati per i guadagni, ma è comunque salito dell’1,9%.

Energia (.SPNY) Il più debole degli 11 principali settori industriali dell’S&P, il settore immobiliare ha chiuso in rialzo dello 0,06%. (.SPLRCR) Più forte, ha chiuso in rialzo del 2,3%, seguito dalle materie prime con un guadagno dell’1,7%. (.SPLRCM).

Mercoledì, anche il presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari ha sottolineato la necessità di ulteriori rialzi dei tassi, stabilendo la propria previsione che il tasso ufficiale dovrebbe essere inizialmente sospeso al 5,4%.

“I verbali della Fed sono un buon promemoria per gli investitori che i tassi di interesse rimarranno alti fino al 2023. Segnala che combattere l’inflazione è il nome del gioco della Fed, in un mercato del lavoro ancora forte”, ha affermato Mike Lowengart. Modello di costruzione del portafoglio presso l’ufficio di Morgan Stanley Global Investments a New York.

“La linea di fondo è che anche se capovolgiamo il calendario, il mercato sta riecheggiando l’anno scorso”.

Gli operatori di mercato vedono ora una probabilità del 68,8% di un aumento del tasso di 25 punti base da parte della Fed a febbraio, ma vedono tassi inferiori al 5% entro giugno. .

READ  Il viaggio aereo negli Stati Uniti riprende vita dopo l'incidente informatico della FAA

All’inizio della giornata, i dati hanno mostrato la creazione di posti di lavoro negli Stati Uniti a novembre in un mercato del lavoro ristretto, la Federal Reserve che si è attenuta più a lungo alla sua campagna di inasprimento monetario, mentre altri dati hanno mostrato un’ulteriore contrazione della produzione a dicembre.

Nel 2022, le azioni statunitensi sono state spinte dalle preoccupazioni per una recessione dovuta all’inasprimento aggressivo della politica monetaria, con i tre principali indici azionari che hanno registrato le perdite annuali più elevate dal 2008.

nel Nasdaq 100 (.NDX) Le azioni statunitensi di JD.Com Inc sono state le migliori, con un aumento del 14,7% sulle speranze di una ripresa post-Covid-19 in Cina. Microsoft è scesa del 4,4% dopo che un analista di UBS ha declassato il titolo a un rating “neutrale” da un “acquisto”.

Le emissioni in avanzamento superano quelle in calo sul NYSE con un rapporto di 4,30 a 1; Sul Nasdaq, un rapporto di 2,74 a 1 ha favorito i progressisti.

L’S&P 500 ha registrato cinque nuovi massimi di 52 settimane e nessun nuovo minimo; Il Nasdaq Composite ha registrato 84 nuovi massimi e 51 nuovi minimi.

11,35 miliardi di azioni sono passate di mano sulle borse statunitensi, a fronte di una media di 10,83 miliardi di azioni negli ultimi 20 giorni di negoziazione, con qualche debolezza dovuta alle festività.

Reportage di Sinead Carew e Chuck Mikolajczak a New York, Shubham Patra, Amrutha Khandekar e Angika Biswas a Bangalore; Montaggio di Shaunak Dasgupta e Jonathan Otis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply