La banca centrale alza di un quarto di punto e segnala un ulteriore avanzamento

WASHINGTON – Mercoledì i funzionari della Federal Reserve hanno alzato i tassi di interesse per l’ottava volta in un anno e hanno segnalato che potrebbero essere in arrivo altri due mentre continuano la loro lotta contro i rapidi aumenti dei prezzi. Ma hanno approvato aumenti minori rispetto al passato e hanno riconosciuto che l’inflazione sta finalmente iniziando a dare un senso.

La Fed ha concluso la sua prima riunione del 2023 annunciando un aumento dei tassi di un quarto di punto, il più piccolo aggiustamento da marzo. Il tasso ufficiale della banca centrale è ora fissato tra il 4,5 e il 4,75%, in calo rispetto allo zero di un anno fa.

La mossa di mercoledì ha segnato un forte rallentamento rispetto allo scorso anno, quando la banca centrale ha aumentato gli oneri finanziari ad un ritmo veloce Nel tentativo di ridurre l’inflazione, che è in aumento dagli anni ’80. Gli aumenti di prezzo sono ora moderati con l’indice di inflazione preferito dalla banca centrale 5 percento A dicembre, giù dal picco Quasi il 7 per cento Nel mese di giugno.

Con i tassi di interesse già elevati, i banchieri centrali stanno gradualmente adeguando la politica in attesa di vedere come i loro maggiori costi di indebitamento influiranno sui consumatori e sulle imprese. Gli indicatori economici in arrivo aiuteranno a determinare quanto la banca centrale alla fine alzerà i tassi e per quanto tempo li manterrà lì.

Il presidente della Federal Reserve Jerome H. Powell ha chiarito durante la sua conferenza stampa di mercoledì che la Fed intende stare attenta a dichiarare vittoria sull’inflazione. Ha detto che sono in discussione “un altro paio” di aumenti dei tassi per garantire che le pressioni sui prezzi siano saldamente e completamente sotto controllo.

“Per la prima volta, ora possiamo dire che il processo inflazionistico è iniziato”, ha affermato il sig. Powell ha detto, ma poi ha aggiunto: “Saremo nello studio fino a quando il lavoro non sarà finito”.

Nonostante ciò, mercoledì Wall Street ha dichiarato che Mr. Powell ha accolto con favore i rapporti come un segnale che la Fed potrebbe smettere di alzare i tassi troppo presto dopo marzo. Le azioni sono aumentate mentre parlava e le aspettative che la banca centrale avrebbe posto fine ai suoi aggiustamenti E una mossa del tasso è certa. I prezzi di mercato hanno anche suggerito che gli investitori avevano stroncato sul nascere il taglio dei tassi da parte della banca centrale entro la fine dell’anno. L’S&P 500 è salito dell’1%, portando il titolo a salire di oltre il 7% quest’anno.

READ  Gli omicidi dell'Idaho sospettano che Brian Kohberger sia disposto a rinunciare all'udienza per l'estradizione, afferma il pubblico ministero

La disconnessione tra le dichiarazioni della banca centrale e le aspettative degli investitori è legata in parte a ciò che sta effettivamente accadendo nei dati economici e a ciò che si prevede accadrà in seguito. Molti previsori prevedono un indebolimento del mercato del lavoro e dell’inflazione in molti tipi di servizi quest’anno, il pieno effetto dei movimenti dei tassi della banca centrale; La banca centrale, invece, attende segnali più chiari dai dati.

La decisione della banca centrale segna il passaggio a un periodo più cauto della lotta all’inflazione. I suoi responsabili politici accolgono con favore il recente rallentamento degli aumenti dei prezzi e la tendenza dell’inflazione offre loro più spazio per procedere con cautela mentre apportano ulteriori modifiche alle politiche. Ma i banchieri centrali temono che parti dell’inflazione odierna saranno difficili da eliminare del tutto, impedendo loro di fermare del tutto l’assalto.

“Siamo entrati in una nuova fase della politica”, ha affermato Laura Rosner-Warburton, economista senior presso Macro Policy Perspectives. “Il comitato non sta più recuperando”.

Banchieri centrali In programma per dicembre Aumenteranno i tassi di interesse oltre il 5% nel 2023, segnando altri due aumenti di un quarto di punto dopo la mossa di questa settimana, e li lasceranno lì per il resto dell’anno. Quei costi di prestito più elevati rendono più costoso finanziare un’auto o espandere un’attività, riducendo la domanda e contribuendo a riportare l’economia in equilibrio.

I funzionari hanno ribadito nella loro dichiarazione di mercoledì che gli aumenti dei tassi “in corso” sarebbero appropriati. Ma non è stata ancora presa alcuna decisione su come saranno i tassi più alti, ha affermato il sig.

READ  S&P 500 piatto mentre gli investitori guardano avanti al prossimo rapporto sull'inflazione, stagione degli utili

Sig.

“Stiamo parlando di altri due aumenti dei tassi per arrivare a quel punto, che riteniamo sia il giusto controllo”, ha detto. In seguito ha affermato che non si aspettava di tagliare i tassi quest’anno se l’economia si fosse comportata come previsto.

Sig. Powell ha osservato che sarebbe difficile gestire il rischio di un rimbalzo dell’inflazione facendo troppo poco. fino a D’altra parte, se la banca centrale si spinge troppo oltre, sarà più facile trattare con essa, ha affermato.

“Il lavoro non è completamente finito”, ha detto.

Finora, in particolare, le prove della moderazione del mercato del lavoro rimangono inconcludenti: le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono state ridotte e il tasso di disoccupazione è il più basso da mezzo secolo. Le aperture di lavoro sono aumentate a dicembre e ora ci sono 1,9 posizioni disponibili per ogni lavoratore disoccupato.

“Il mercato del lavoro è molto ristretto”, ha affermato il sig. Powell ha detto mercoledì. Venerdì il dipartimento del lavoro pubblicherà i dati sulle assunzioni e sulla disoccupazione di gennaio.

Questo innervosisce la banca centrale. I funzionari si sono sempre aspettati che i prezzi iniziassero a raffreddarsi man mano che i problemi della catena di approvvigionamento della pandemia vengono risolti e i consumatori tagliano le loro spese attraverso grandi scorte, e questo deprezzamento sta dimostrando. Ma alcuni politici temono che la rapida crescita dei salari nei servizi – hotel, ristoranti, eventi sportivi – possa essere ostinatamente più alta rispetto a prima della pandemia.

“Siamo d’accordo sul fatto che il quadro dell’inflazione stia migliorando, ma ciò non significa che la Fed sia più vicina a dichiarare la vittoria”, ha affermato Sarah House, economista senior di Wells Fargo.

L’economia globale non è così debole come molti si aspettavano, poiché un inverno mite allevia i problemi energetici in Europa e la Cina riapre dagli scioperi. I funzionari della banca centrale hanno annuito nel loro rapporto al fatto che la crescita globale è più lenta di quanto apparisse l’anno scorso, lasciando cadere una frase secondo cui la guerra in Ucraina “stava pesando sull’attività economica globale”.

READ  Le azioni Tesla salgono sugli utili: "Milioni di auto a guida autonoma potrebbero essere vendute con un margine lordo del 100%"

Invece, i responsabili politici delle banche centrali hanno affermato che la guerra “stava contribuendo ad aumentare l’incertezza globale”.

Tali segnali di ripresa economica potrebbero aiutare la banca centrale a realizzare un atterraggio morbido, che ridurrebbe l’inflazione senza causare una profonda recessione. D’altro canto, il perdurare della forza economica potrebbe aumentare la domanda e, se la crescita è troppo forte, impedire una sufficiente moderazione dell’inflazione.

I funzionari della Fed si concentreranno su dove sta andando l’economia – e su quanto dovrebbero essere lenti – nei prossimi mesi mentre decidono di quanto alzare i tassi e per quanto tempo.

Quanto più farà la Fed alla fine sarà importante per gli americani di tutto il mondo, poiché aiuterà a determinare quanto in alto aumenterà il tasso di disoccupazione quest’anno.

“Il rischio di una recessione è molto reale a questo punto”, ha affermato Bill English, ex direttore della divisione affari monetari della Fed e professore alla Yale School of Management. “In qualche modo camminano troppo vicino alla linea.”

Beth Ann Bovino, capo economista statunitense e canadese di S&P Global Ratings, ha affermato che il piano della Fed per ridurre l’entità degli aumenti dei tassi di interesse indica che i banchieri centrali stanno “cercando di far atterrare l’aereo con grazia”.

Ma “l’impatto degli aumenti dei tassi complessivi ha un aspetto negativo”, ha aggiunto.

Fino al loro ultimo Previsioni economiche, i banchieri centrali prevedono che la disoccupazione salirà al 4,4% entro la fine dell’anno. Fino ad allora 3,5 per cento Adesso. La banca centrale rilascerà le sue prossime previsioni economiche a marzo.

Sig. Powell ha detto. Ma ha anche sottolineato che la banca centrale rimane impegnata a frenare l’inflazione, nonostante il potenziale costo per la crescita e il mercato del lavoro.

“Dobbiamo finire il lavoro”, ha detto. “Ecco perché siamo qui.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply