Oscar 2023: Academy consente ad Andrea Riseborough di continuare la sua nomination

Commento

La questione è finalmente risolta: Andrea Riseborough riceverà la sua nomination all’Oscar.

Dopo una settimana di polemiche, l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences si è riunita martedì per valutare se l’intensa campagna sui social media stesse contribuendo. Lo straordinario cenno del capo di Riseborough alla migliore attrice “To Leslie”, un film indipendente poco visto, aderisce alle linee guida dell’organizzazione. Sebbene l’accademia non abbia trovato un motivo per revocare la nomina, ha trovato da ridire su “tattiche di campagne di lobbying e social media non specificate” e ha annunciato che avrebbe affrontato tali preoccupazioni con le parti responsabili.

“Sulla base di questa revisione, è chiaro che gli elementi del regolamento devono essere chiariti per creare un quadro migliore per una campagna rispettosa, inclusiva e apartitica”, ha dichiarato il CEO dell’Academy Bill Kramer in una nota. Questa è la fine del ciclo di premi.

Sebbene la performance di Riseborough come alcolizzato in difficoltà dopo aver vinto la lotteria in “To Leslie” sia stata elogiata dalla critica, ha guadagnato poco da sola. Meno di 28.000 dollari Durante la sua corsa teatrale limitata.

L’attrice inglese di 41 anni ha sorpreso il pubblico Candidatura per la migliore attrice La scorsa settimana – con Ana de Armas, Cate Blanchett, Michelle Williams e Michelle Yeoh – ha portato l’attenzione sulla straordinaria spinta che c’è dietro.

Proprio quando sono iniziate le votazioni per le nomination agli Oscar, dozzine di attori di spicco si sono rivolti ai loro account personali sui social media per condividere le lodi per il film a basso budget e la sua attrice protagonista. Secondo quanto riferito, l’attrice Mary McCormack, moglie del regista di “To Leslie” Michael Morris, ha coordinato gran parte degli sforzi incoraggiando personalmente le persone a visualizzare e condividere i propri pensieri online.

READ  Prima sulla CNN: documenti riservati trovati a casa di Pence nell'Indiana

Diversi post contenevano un linguaggio simile, inclusa una frase ormai virale che descriveva “Too Leslie” come “una piccola immagine con un cuore gigante”. Gwyneth Paltrow Ha pubblicato una foto su Instagram Demi Moore, ha detto, sta da sola al fianco di Morris e Riseborough, “per vincere tutti i premi che devono ancora essere scoperti”. Edoardo Norton ha scritto in un disco raro Riseborough ha dato “la performance più impegnata, emotivamente profonda e fisicamente straziante che abbia visto da un po’ di tempo”. (Norton però Detto prima (tramite un rappresentante che non ha pubblicato sugli Oscar.)

Blanchett, lei stessa, è una favorita dell’Oscar ha lanciato un grido a Riseborough Nel suo discorso ai Critics’ Choice Awards.

Riseborough ha lavorato costantemente negli ultimi due decenni, apparendo nella commedia dark vincitrice dell’Oscar “Birdman”, la satira politica.Morte di Stalin” e molti altri film dell’orrore. Sebbene gli attori spesso lodino i loro coetanei in pubblico, le impressioni della sua interpretazione in “To Leslie” sono aumentate notevolmente nella seconda settimana di gennaio, il momento in cui vengono votate le nomination agli Oscar. L’attrice Frances Fisher a un certo punto è arrivata al punto di condividere diversi post su Riseborough Si è rivolto al ramo degli attori dell’Accademia Direttamente e scrivi una descrizione dettagliata del processo di voto.

Dave Garger, presentatore di TCM e giornalista degli Entertainment Weekly Awards, ha affermato che mentre credeva che la controversia sulla nomina di Riseborough fosse esagerata, l’Accademia è stata “intelligente nell’affrontare questo problema e capire come i social media stanno cambiando il gioco”. Matthew Belloni, l’ex direttore editoriale di The Hollywood Reporter che ha co-fondato la società di media Puck, ha affermato che il calcolo delle campagne per gli Oscar nell’era dei social media è la “più grande eredità” del fallimento.

READ  L'economia globale entrerà in recessione entro il 2023, afferma il ricercatore

“C’è un’intera economia attorno agli Oscar, e si basa sulla legittimità dei premi”, ha detto Belloni. “Se i premi sono contaminati da questo clientelismo, ciò influirà sulla loro legittimità. Questo è qualcosa di cui l’Accademia dovrebbe preoccuparsi.

Naturalmente, ha aggiunto, “c’è stato un clientelismo verso gli Oscar dal secondo anno in cui l’hanno assegnato”.

L’accademia è diventata più trasparente riguardo al suo funzionamento interno #OscarSoWhite Battuta d’arresto nel 2015, consiglio di amministrazione un anno dopo annunciato il suo obiettivo Raddoppio del numero di “donne e membri vari” nel sistema di voto. L’anno scorso, Janet Yang è stata eletta presidente Come dettagliato in un comunicato stampa Durante quel periodo è stata “strumentale nel lanciare e promuovere molte iniziative dell’Accademia nel reclutamento dei soci, nella governance e nell’equità, nella diversità e nell’inclusione”.

Gran parte delle critiche rivolte alla nomina di Riseborough sono state viste come un affronto contro Viola Davies (“La donna è re”) e Daniel Detwyler (“fino a”), ciascuno nominato per i principali Pioneer Awards. Molti esperti del settore hanno sostenuto che mentre l’Accademia ha sicuramente molta strada da fare in termini di riconoscimento del talento nero, questa è una conversazione separata su Riseborough.

“Anche i fan occasionali del cinema sono condizionati da questi premi di alto profilo che vengono trasmessi in televisione e riportati. [idea] Ad un certo punto, alcuni artisti si sono guadagnati un posto nella corsa agli Oscar”, ha detto Karkar. “Questi sono tutti sistemi di voto diversi e persone diverse. Solo perché qualcuno ottiene tre nomination non significa che ne otterrà automaticamente una quarta.

Gli Oscar utilizzano un sistema di voto a scelta classificata in cui i membri dell’Academy selezionano i loro vincitori preferiti. Ciò consentirà un divario più breve tra coloro che vincono una nomination e coloro che perdono. La maggioranza degli elettori ha scelto Blanchett (“Magazzino”) o il collega frontman Yow (“Ovunque e tutto in una volta”) come loro scelta n. 1 per la migliore attrice, ad esempio, sarebbe stata una voce troppo bassa per ottenere uno dei restanti tre slot. Poiché l’esiguo numero di voti ha fatto la differenza, né a Davis né a Detwyler è stato garantito un sesto posto; Riseborough potrebbe avere facilmente concorrenti “obsoleti” come Olivia Colman.Impero di Luce”) o Jennifer Lawrence (“Ponte continentale“).

READ  L'otto volte Gold Glove 3B Scott Rollen viene inserito nella Baseball Hall of Fame

Riseborough è diventata in qualche modo un capro espiatorio per i fallimenti dell’Accademia, ha suggerito Melissa Silverstein, fondatrice di Women and Hollywood, uno sforzo per affrontare la diversità di genere e l’inclusione nell’industria dell’intrattenimento. Silverstein ha descritto Riseborough come “qualcuno che ha lavorato con il riconoscimento che merita per decenni” e ha detto che è stato un peccato che “in un anno abbiamo avuto donne nere incredibilmente straordinarie nei ruoli principali”.

In un mondo ideale, secondo Silverstein, ci sarebbe spazio per il riconoscimento di più attrici.

“È un gioco multimilionario e ne facciamo tutti parte”, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply